“Cervelli in fuga”? Assenza di lavoro, oppure …

Un mantra ripetuto in Italia per giustificare la “fuga dei Cervelli” (in Inglese: “human capital flight“) è l’assenza di lavoro e/o di opportunità, ma nessuno indaga perchè il lavoro e le opportunità manchino proprio ai “Cervelli in fuga” e non ad “altri” (… fra i quali “coloro” che mettono i “Cervelli in fuga”!!).

Questa riflessione parte dall’analisi di alcune dinamiche psico-sociali osservate nelle piccole Realtà Locali della Nostra Italia, ove tali dinamiche sono assai esplicite, forti e prepotenti.

Da esse emerge come non sia “l’assenza di lavoro e/o di opportunità”, ma, di contro, l’assenza di “spazio” dato ai “Cervelli in fuga” a causa dei “giochi di potere” attuati da un Sistema che tende a mantenere rigidamente le relazioni e gli equilibri “di forza” sociale presenti.

Pertanto, se arriva un “esterno” capace, e/o la “capacità” è mostrata da “qualcuno” che non appartiene ad una delle famiglie e/o dei gruppi “dominanti” di quel Sistema, questo viene immediatamente isolato ed “eliminato” socialmente, essendo visto dall’establishment (in particolare da quello/a che “deve” il suo “status di potere” ad una “appartenenza” e non ad alcuna capacità individuale) come una “minaccia”. Così, questi “Cervelli in fuga”: vengono diffamati, minacciati, isolati socialmente; divengono oggetto di mobbing e bullismo; ricevono diverse forme di disconferma; etc… etc… .

Phenomena molto forti nei piccoli Comuni Italiani (e/o nelle piccole Realtà Locali equiparabili) “guidati/e” dai membri delle solite famiglie e/o dei soliti gruppi locali. Questi sono contesti nei quali la leadership è detenuta per l'”appartenenza” ad un “qualcosa” e non per “capacità e/o meriti” propri dei soggetti. Pertanto, chi ha il suo status fondato sul “nulla” vede questi Individui come una terribile “minaccia”.

Di contro, Sistemi “dominati” da persone competenti e/o capaci, che devono il loro status a loro stesse (e/o alle proprie capacità individuali) non si sentono minacciate dalle nuove generazioni capaci, e pertanto (di contro) gli danno “spazio” ed opportunità.

Diversamente, i “Cervelli in fuga” in Italia hanno solo due opportunità: o, la “fuga” appunto; o, il “restare” (però in questo caso) a fare “nulla” ed a sopportare le angherie, il bullismo ed i soprusi, degli incapaci locali.

Pertanto, non si condivide la giustificazione pubblicamente data dai media per spiegare la “fuga dei Cervelli” dall’Italia. Questi non fuggono per “l’assenza di lavoro e/o di opportunità”, ma per le dinamiche sociali “anomale” attuate nei Loro confronti che semmai producono, come detto supra, l’assenza di lavoro e/o d’opportunità per Loro, ma non per altri!!

Oedipus & the Self-fulfilling Prophecy. As usual, Freud was wrong!

Abstract

This article argues that the myth of Oedipus expresses and/or represents the Self-fulling Prophecy (exempli gratia, described by the Social Psychology). At the same time, this article states that the myth of Oedipus is not allegory and/or representation of the Freudian psychosexual development!!

The myth of Oedipus becomes an opportunity to show the kind of mis-interpretations made by psychoanalyses and psychoanalysts. The latter, in fact, tends: to create false beliefs; and, to attribute false meanings to “events”.

In accordance with a logical and epistemological reflection/analysis, psychoanalytic theories can gain only two states of truth. They can be: valid and/or invalid.

If they are invalid, they can not be applied anywhere.

If they are valid, they must be applied to psychoanalyses itself.

This, however, determines the invalidity of the psychoanalytic Paradigm, which would inevitably turn to implode on itself.

Exempli gratia, psychoanalytic theories turn out to be:
• on the one hand, the “fruit” of primary defensive processes (characterized by a state of confusion between the inside and the outside world, leading to a distorted view of reality, which is typical of psychosis) acted and/or done by the same creators and supporters of psychoanalyses. Examples of these primary defensive processes are: projection; primitive idealization; omnipotent control; etc …;
• on the other hand, the “fruit” of projective identification made by patients who, living a state of “psychic vulnerability”, identify themselves in those constructs due the high level of impressionableness / suggestibleness.

In other words, psychoanalytic theories would create ex post confirmation of themselves, creating “reality”, which would never have been if they had never existed!!

In conclusion, psychoanalytic constructs are new idols, which exist only for the faith that their “priests” place in them.

They are not idols of stone, but they are idols of void words and/or void interpretation. Idols that, however, require dogmas to survive. Dogmas that psychoanalysts have defended with the mis-use and abuse of psychiatry since the beginning of psychoanalyses with Freud.

At the end, they are only a “new form” of Superstition.

Rationale

Epis L. (2012/2015), in the book De Nova Superstitione, wrote about the “difficulties” that the Psychological Sciences have to comply with the criteria of the Scientific Paradigm.

The Psychological Sciences, in fact, are a set of disciplines: which have an heterogeneous epistemological status; and, which are characterized by a low logical-epistemological reflection and awareness (Epis L. 2012/2015). The latter takes different aspects and forms, due: how these disciplines are able to meet the criteria of the Scientific Paradigm; and, the type of biases, which characterize that particular disciplinary area.

If we consider these two criteria (that I wrote supra/above), Psychological Sciences can be divided into four main areas.

The first macro-area includes: Physiological Psychology; Cognitive Psychology; Experimental Psychology. Despite the limitations of its methodology and its own kind of biases, this area has “full citizenship” inside the Scientific Paradigm. Indeed, it is able to comply with: the experimental scientific method (pro tempore); the test of Validity (Logical Positivism); and, the principle of falsification (Popper).

The second macro-area is the Soft Psychology. This area is a “limbo” of ambiguity, confusion and uncertainty. The constructs are based on, and created with, a wide use of correlation. The latter, due the fact of the crud factor, makes these constructs be a mere social creation that, at the end, is based only on “political” choices, which have their reasons in matters of opportunity and/or interest.

Some of them are connected with the relationship that exists between Power and Knowledge. A relationship, which inside the Social Sciences, is stronger than everywhere else.

Indeed, inside this Limbo, opposite theories and constructs coexist. All of them are both never entirely refuted and never fully corroborated. So, the success and/or application of one of these theories instead of another one, depends only for “political choice” (with the widest extension of the term).

Not only. These constructs become glasses that are able to change the perception of Reality in the direction of those theories. Hence, they are able to create ex post a pseudo-corroboration, which is, nothing more and nothing less, a “conjuring trick” that is used to “deride” the gullible people.

The third macro-area is the psychopathology. This area has nothing to do with Science. Science, in fact, is a descriptive language. Science has the aim to describe the reality without telling what is “normal” and what is “abnormal”. On the contrary, psychopathology is a normative language, as well as Law and Moral Sciences. But, everything uses normative language is just a “political” manifestation and/or choice.

Every time someone approaches this discipline, indeed, he/she should remember that psychopathology is in permanent violation of Hume’s Law.

The fourth macro-area is constituted by psychoanalyses. The latter is not: either Science, as it does not use descriptive language; or Normative Discipline, as it does not use normative language.

Psychoanalyses is only a set of “confabulations” that are expressed with expressive language. Therefore, psychoanalyses has nothing to do with: truth and/or validity.

All its theories and constructs are only the “fruit” of the projections that are made by the psychoanalysts. These projections, then, are transformed by psychoanalysts, due the fact of their own delirium of omnipotence, in “universal” constructs and theories that pretend to explain the thoughts of others !!!!!!

In other words, psychoanalyses is the product of the primary processes and primary defences of the psychoanalysts. Psychoanalyses is the psychotic side of Psychology.

An evidence of this is given by the interpretation, which was made by Freud, of the Oedipus myth.

The myth of Oedipus and the Self-Fulfilling Prophecy

The physical laws rule the structure of the universe and everything happens inside it. The psycho-social laws rule the structure and dynamics of the groups of any kind and formation.

The “social beings” follow the psycho-social laws as the atoms and/or “celestial bodies” fallow the laws of physics.

The ancients people knew this Truth. They illustrated it with the language of myth.

One of these laws establishes that:
• Every society is based on an Order that is ruled by an Authority;
• every Social Order and every Authority are doomed to change over time;
• “the changement” is generated by the same actions, which the pro tempore Authority does for attempting to: preserve the status quo and its Power; prevent the “changement”; prevent the prophecy from becoming truth.

The Greek myths repeat this law countless times.

The Kingdom of Uranus is overturned by the Kingdom of Cronus. The Kingdom of Cronus is overflowed by the Kingdom of Zeus. Prometheus, then, prophesies that the Kingdom of Zeus will be overturned by a New Order.

Zeus himself will prepare his own adversary … … so Zeus will learn that one thing is to serve and another thing is to reign … … … … . By Zeus, I care less than nothing. He can rule this kingdom as he wishes. His reign is not long” (Aeschylus, Prometheus Bound).

This concept is illustrated for the macro-cosmos with the stories of gods. For the micro-social-cosmos, the same concept is illustrated with the legends of cultural heroes. Exempli gratia: Perseus and Oedipus.

Acrisius (king of Corinth) received a prophecy. He would be killed by his nephew. So, he tried to prevent the realization of the prophecy. But, this made the prophecy become truth.

In the myth of Oedipus, this concept is repeated twice. The first time, Laius (king of Thebes; Oedipus natural father) received the prophecy that his son would have killed him. To prevent the prophecy from becoming true, Laius made several actions. Subsequently, Oedipus received the prophecy that he would have killed his father (which he thought to be the king of Corinth). To prevent the prophecy from becoming true, Oedipus made several actions. Well, at the end, the sum of all those actions, which were made by Laius and Oedipus to prevent their prophecies from becoming true, made their prophecies become true.

In other words, the myth of Oedipus (far and far away … from representing the phallic stage of the psychosexual development of Freud) is, more than anyone else, the representation of the self-fulfilling prophecy, which is the king of all the psycho-social mechanisms and underlie the social structure and dynamics of every kind of groups.

The concept, which the Greek myth expresses, is the inability and impossibility of men and gods to fights and to rebel against Fate. Once, Fate decides the destiny of men and gods, nothing can prevent it.

On the contrary, everything is done to prevent the prophecy from becoming true will inevitably lead the prophecy at its realization.

This concept was repeated from the Greek myth to our days.

Tolkien, for example, makes Galadriel say about her mirror: “Remember that the Mirror shows many things, and not all have yet come to pass. Some never come to be, the unless those that behold the visions turn aside from their path to prevent them” (Tolkien, The Lord of the Rings).

Before him, William Shakespeare represents this concept in most of his works. Exempli gratia, Macbeth is a tragedy based entirely on self-fulfilling prophecy. The tragedy starts with a prophecy that three witches give to the protagonist. According to this prophecy, Macbeth will become king, but he will need to be careful to Macduff. So, it is only due the prophecy that Macbeth: kills the king to replace him; and, wipe out the family of Macduff. The latter fact caused the revenge of Macduff , which doomed Macbeth to die.

Also the children-literature illustrates this concept.

The saga of Harry Potter is an example. The whole saga, indeed, is based on a self-fulfilling prophecy. The prophecy was not made to the protagonist, but to the anti-hero: Voldemort. The latter, in attempting to prevent the prophecy from becoming true, makes the prophecy become true.

Kung Fu Panda is another example. The first movie starts with a vision that is received by Master Oogway. Master Oogway sees that Tai Lung escapes from the prison where he is detained. Shipo, to prevent the vision from becoming true, starts all the coincidences that will make the vision be true. A concept that was summed up by Master Oogway: “sometimes certain events are caused with the actions that are done to prevent them“.

The same protagonist of the story, the bumbling panda Po, who was not good at kung-fu more than everyone else, is a result of the self-fulfilling prophecy. He becomes the Legendary Dragon Warrior only due the fact that Master Oogway made this “prophecy”.

Plenty of movies, then, expresses with concept.

The Secret Kingdom is one of them.

The saga of Star Wars is another one.
Star Wars’ saga is entirely based on self-fulfilling prophecies.

The prophecies are visions that the protagonists are able to get through the Force.

Anakin becomes a Jedi in the first episode (The Phantom Menace) only due a prophecy. Padme dies in the third episode (The Revenge of Siths) only due a prophecy.

Anakin chooses to pass to the dark side of the Force (in the third episode) only due the actions that are done by his Jedi-Masters. The Jedi-Masters, indeed, attempt to prevent “their fears” from becoming true. So, “their fears” become a “new prophecy” about Anakin, a prophecy that takes the place of the previous one. At the end, the actions, which are done by the Jedi-Masters to prevent their fears from becoming true, make their fears become true.

In the six episode, Anakin (now, Lord Vader) kills the Emperor and the kingdom of the Siths (as the first prophecy told) only because the Emperor attempted to prevent: that prophecy from becoming true; and, the loss of his Power.

Etc … Etc … .

The Self-Fulfilling Prophecy

So, what is the self-fulfilling prophecy?

The self-fulfilling prophecy is the king of all psycho-social mechanisms. There are no psychosocial dynamics that do not express it.

The self-fulling prophecy rules: the role played by individuals within groups; the social identity formation.

It is a “belief” that makes itself be true, due the fact that it is believed.

In other words, there is a recursive dialogical relationship between a “belief” and its “realization“. One creates the other one and vice versa.

To give you a pictorial image, you can think to the painting of Escher: “drawing hands”.

This recursive dialogical relationship exists: both, at the level of “beliefs”; and, at the level of “actions”.

In other words, the events are created by the actions, which are made to prevent “those events” from becoming true. Instead of preventing the events from becoming true, those actions will evocate them.

This is an aspect of self-fulfilling prophecy.

Why?

The answer is simple. This is just an application of the Lex Naturalis. It is the third law of motion that is applyed to social life. If a body A acts with a force F on a body B, then the body B will act towards the body A with a force F of equal intensity and direction, but of opposite direction.

In Philosophy and History of Religions, this concept has been represented, exempli gratia, with the Tao / Dao.

On the contrary, inside the academic literature of Social Sciences, this construct was expressed in 1948 with Merton. According to the author: “… a prophecy … for the sole reason of having been pronounced, manufactures the alleged incident, expected or predicted, confirming thus its veracity“. Beliefs determinate Actions; Actions create ex post “confirmation” of initial Beliefs (even if they are false). There is no separation between the “dimension of the actions” and the “dimension of beliefs”. They are linked in a strong: bond; connection; union; … and/or, as I prefer to say, dialogical recursive relationship. So according to Merton: “The self-fulfilling prophecy is, in the beginning, a false definition of the situation evoking a new behavior which makes the original false conception come true. This specious validity of the self-fulfilling prophecy perpetuates a reign of error. For the prophet will cite the actual course of events as proof that he was right from the very beginning” (Merton R. K., 1948, The Self Fulfilling Prophecy, in Antioch Review, Vol. 8, No. 2, pp. 193 – 210).

Merton took his inspiration from the Thomas’ Theorem which states: “If men define certain situations as real, they are real in their consequences“.

In fact, Beliefs determine Attitudes. Attitudes produce Behaviors. Behaviors cause Responses (confirmation bias). Responses lead ex post “pseudo-corroboration” to the initial belief, creating an infinitevicious cycle“.

The self-fulfilling prophecy, therefore, is the “genetic sub-layer” of any phenomena of the Psychological and Social Sciences. Nothing happens, unless there is a self-fulling prophecy.

The Labeling Theory recognizes it inside the Social Sciences, since the Labeling Theory expresses, at the end, nothing more than the self-fulling prophecy.

Popper, on the contrary, recognized it inside the Philosophy of Sciences and/or Epistemology. According to Popper, self-fulling prophecy is the criterium (criterion) that is able to make a distinction between Social Sciences and Natural Sciences.

You will not believe Me, if I tell you that Popper called the self-fulling prophecy the Oedipus effect.

Exempli gratia, Popper wrote: “One of the ideas I had discussed in  The Poverty of Historicism was the influence of a prediction upon the event predicted. I had called this the “Oedipus effect“, because the oracle played a most important role in the sequence of events which led to the fulfilment of its prophecy. … For a time I thought that the existence of the Oedipus effect distinguished the social from the natural sciences. But in biology, too—even in molecular biology—expectations often play a role in bringing about what has been expected” (Popper, Unended Quest: An Intellectual Autobiography).

Why was Freud wrong?

The mistake of Freud is self-evident. The myth of Oedipus does not express any stage of the psychosexual development.

So, why does Freud see in the myth of Oedipus the most important representation of the phallic stage?

After the death of his father (1896), Freud (who was self-analyzing his dreams) came to the conclusion that: he wished sexually his mother; and he considered his father like a dangerous rival. This happened in the absence of real seduction episodes.

In other words, Freud was a victim of its primary processes and its primary defenses. He projected his retrospective interpretations (which he made self-analyzing his own dreams) in the outside world. So, he came to see them everywhere: in the stories of his patients; in Greek myths; etc … .

Once, his own (mis)interpretations were projected to the outside world, due his own delirium of omnipotence, Freud argued his theories were able to explain the “normal development” of all human beings!!

So, it is clear that psychoanalyses, at the end, is nothing more and nothing less that a set of psychotic delusions that are made by psychoanalysts.

Psychoanalytic theories say nothing about: the World; and, the Human Thought. They speak only about the psychiatric problems of the psychoanalysts who created them.

The deception of psychoanalyses

Psychoanalyses is only a Discursive Practice that is based on retrospective interpretations a là Weik, which are created with interpretative games.

These interpretations have nothing to do with truth and the knowledge of the Self.

The meanings are induced by: the same psychoanalytic theories, which become glasses that are able to deform the whole Reality; and, the same expectations of psychoanalysts, who push to create confirmation of their beliefs.

In other words, psychoanalyses becomes a sort of “brainwashing” that is done on people, who are in a “vulnerable psychic” state.

The patients internalize: theories; psychoanalytic models; expectations of their psychoanalysts; etc…. At the end, they play those internalized roles for projective identification.

In other words, psychoanalyses itself does nothing. It is a way to deride people. If something happens, it is only for the action of the psychosocial mechanism of self-fulling prophecy.

Unfortunately, the prophecies that are done by psychoanalyses do not lead to anything good. Like the witches of Macbeth, they push people into a Shakespearean tragedy.

Those people, who “save” themselves, are “characters” of a self-fulfilling prophecy that was made by “someone else”, who (surely) was not a psychoanalysts.

You can read also: Epis L., De Nova Supertstitione. Unfortunately, the book (at the present tense) is only published in Italian. Link to e-book: De Nova Superstitione – Saggio

Edipo & la Profezia che si autoavvera. Come al solito, Freud aveva torto!

Vedere la versione in Inglese.

Link pagina Web: http://www.lukae.it/?p=1207

Link all’articolo in PDF: Oedipus & the Self-fulfilling Prophecy – Article

Chi vuole approfondire l’argomento può leggere: Epis L., De Nova Supertstitione. Link all’e-book: De Nova Superstitione – Saggio

BREXIT: here is “How” English People have saved all European Peoples from an Europe that was becoming a “new” Ancien Regime!

The 23 June 2016 is an historic date!

It is the date on which, some European citizens have said NO to an European Union that had moved away from being a “State of Law” based on the Rule of Law (and/or the Supremacy of Law above the Power) to be a “new form” of Ancien Regime. Exempli gratia, you can read: Epis Luca, The Meaning of Rule of Law (chapter: Rule of Law; paragraph: Rule of Law like Universal Principle of any Legal System).

An Ancien Regime that is ruled (no longer by a greedy land aristocracy) but by a greedier economic-financial and banking oligarchy that, like its predecessors, is used to act above: the Rule of Law; the ethical and legal values; and the People.

The ethical and legal principles were “transmuted” into empty and void “advertising slogans”, that are used for marketing and/or attracting “customers”, but never met.

Principles, in fact, were always subordinate to: economic profit; banking system; and the interests of business!

The People returned to being simply “the one” who has to be “squeezed” through taxes!!

Beyond the “new forms” and “appearances”, the citizens of European Union (and certainly the Italian people) have found themselves in the position of “those ancient English people” who were thieved by the Sheriff of Nottingham. Exempli gratia, you can read: Epis Luca, Alcune criticità inerenti l’azione di rettifica (D.P.R. n. 131 del 26/4/1986, artt. 51 e 52) ed il “valore venale” del bene.

The Rule of Law fell under the financial and economic needs!!

An example of this is given by Greece.

It is interesting to see how, in front of’ the “arrogance” of this “new” Sheriff of Nottingham, the first people, how had the force to “rebel” itself, was the British one!! History repeated!!

We can say that, with the referendum, the England of the Magna Charta won above the England that decided to support an European Union that is able to impose its Union only with: the “threat of the economic consequences” (!!); fear (!!); etc … .

But, for the People, getting out from this European Union does not mean to lose “everything”, as People has already lost “everything” being inside this Union.

On the contrary for the peoples, it is a way to get back their own money and their own Freedom. Only the Sheriffs of Nottingham have something to lose.

That the current European establishment is “anti-democratic” was made “clear” several times. Lastly, right in these days Post Brexit!!

Several supporters of this kind of European Union (and I stress: THIS KIND OF EUROPEAN UNION) did a “television marathons” arguing: the irresponsibility of Cameron for having given to the English people the right to decide their own Fate!!!!!!!!!!! Exempli gratia, this happened on the Italian media.

The Peoples, for these kind of establishment, should NOT have the right to decide and/or to choose for themselves!! The Peoples must be “reduced” to be silent “flocks of sheep”. Obedient “flocks” who have only to pay taxes to maintain the economic and financial oligarchy and its “servants”!!

Well, the English people said NO to this kind of System.

The English people wanted to regain possession of: their own sovereignty; and, their own right to decide for themselves.

In doing so, the British people did not destroy the possibility that, in the future, a better European Union may be created. On the contrary, they have put the bases for creating a transparent, democratic, European Union (governed by the principium of Supremacy of Law above the Power) in which all Peoples will be equal. An Europe that we do NOT have so long so far.

No changes could be possible, unless someone makes the “first step” and say clear NO.

So, British people told the first concrete NO to the current oligarchic, anti-democratic, tyrannical European Union (based on the principium of economic-financial supremacy).

A THANK YOU to the English people who had the courage to say NO.

A THANK YOU to all those citizens who voted: NO.

As Bernard Shaw said: “I envy you the power to say no” (The Doctor’s Dilemma).

Now, the Italian people should follow the example of the English people.

The Italians must choose with a referendum:
whether to save their own Italy, an Italy for which Great Men died (remember the Italian Wars of Independence);
or “to betray” the ideals and sacrifice of all those Italian Heroes for same miserable banknotes, which are just waste paper, given by the economical-financial oligarchy.

Italian people have to choose if they want to be Free or they want to be under a new form of “foreign occupation”!

For those who want to read the works mentioned above in the Post, here there are the links:

Epis L., The Meaning of Rule of Law. Link: The Meaning of Rule of Law – Book

Epis L., Alcune criticità inerenti l’azione di rettifica (D.P.R. n. 131 del 26/4/1986, artt. 51 e 52) ed il “valore venale” del bene. Link: http://www.lukae.it/?p=142

For getting a brief résumé of the content of the book: The meanig of Rule of Law that is relevant to this Post, you can see: Rule of Law, Ancien Regime & European Uninion. Link: http://www.lukae.it/?p=1136

BREXIT: ecco come gli Inglesi hanno salvato tutti i Popoli Europei da un’Europa che stava diventando un “nuovo” Ancien Regime!

Il 23 Giugno 2016 è una data storica!

E’ la data in cui, alcuni cittadini europei hanno detto NO ad un Europa che si era allontanata dall’essere uno Stato di Diritto fondato sul Rule of Law (ovvero sulla Supremacy of Law above the Power), cadendo nell’essere una nuova forma d’Ancien Regime (exempli gratia, Epis Luca, The Meaning of Rule of Law, chapter: Rule of Law, paragraph: Rule of Law like Universal Principle of any Legal System).

Un Ancien Regime non più governato da un’avida aristocrazia terriera ma da un ancor più avida oligarchia economico-finanziaria e bancaria che, come i suoi predecessori, agisce incurante verso: lo Stato di Diritto; i valori etico-giuridici; ed il Popolo.

I principii etico-giuridici furono “trasmutati” in vuoti “slogan commerciali”, detti ed affermati per “attirare clientela”, ma mai rispettati.

Principii, di fatto, sempre subordinati al profitto economico, ai bilanci, al sistema bancario, ed agli interessi delle grandi gruppi economici!

Il Popolo ritornò ad essere semplicemente “colui” da “spremere” con le tasse!!

Al di là delle “nuove forme” ed “apparenze”, i cittadini europei (e di sicuro quelli Italiani) si sono ritrovati nella condizione del “popolo depredato” da un “nuovo” Scheriffo di Nottingham (exempli gratia, Epis Luca, Alcune criticità inerenti l’azione di rettifica (D.P.R. n. 131 del 26/4/1986, artt. 51 e 52) ed il “valore venale” del bene).

Lo Stato di Diritto cadde sotto l’esigenza finaziaria!!

Un esempio di tutto ciò, è dato dalla Grecia.

E’ interessante vedere come di fronte all'”arroganza” di questo “nuovo” Scheriffo di Nottingham, i primi ad essersi “ribellati” siano stati proprio gli Inglesi!!

Possiamo dire che, col referendum ha vinto l’Inghilterra della Magna Charta ed ha perso quell’Inghileterra sostenitrice d’un Europa che “impone” l’Unione solo con: la “minaccia delle ripercussioni economiche” (!!); la paura (!!); etc … .

Uscire da quest’Europa non significa per il Popolo perdere “tutto”. Il Popolo ha già perso “tutto” standoVi dentro.

Al contrario, uscire da questa Unione significa per il Popolo riapropriarsi del proprio denaro e della propria Libertà. Chi ci perde, di contro, è lo Sheriffo di Nottingham che ha spadroneggiato fin d’ora.

Che l’attuale Establisment europeo abbia idee “anti-democratiche” è stato reso palese più volte. Da ultimo, proprio in questi giorni Post Brexit!!

I sostenitori di questa Europa (e sottolineo: DI QUESTA EUROPA) hanno fatto “maratone televisive” sostenendo: l’irresponsabilità di Cameron per aver concesso al Popolo Inglese il diritto di decidere la propria Sorte!!!!!!!!!!!!

Il Popolo, per queste persone, NON deve avere il diritto di decidere e/o di scegliere!! Il Popolo deve “essere ridotto” ad un “gregge” silente. Un “gregge obbediente” che paga le tasse per mantenere l’oligarchia economico-finanziaria ed i suoi “servitori”!!

Ebbene, il Popolo Inglese ha detto NO proprio a tutto ciò. Il Popolo Inglese ha voluto riappropriarsi della propria sovranità e del diritto di poter decidere per se stesso.

Facendo ciò, gli Inglesi non hanno distrutto la possibilità che in futuro ci possa essere una “nuova” Europa. Anzi, gli Inglesi hanno messo proprio le basi per creare un Europa alternativa a questa. Un Europa realmente Democratica e fondata sul Rule of Law.

Facendo ciò, gli Inglesi hanno compiuto il “primo passo” per creare la “furura Europa”. Quell’Europa trasparente, democratica, governata dal principium della Supremacy of Law above the Power, nella quale tutti i Popoli saranno uguali. Un Europa nella quale non ci saranno più Nazioni di serie A, Nazioni di serie B e Nazioni di serie C.

Insomma, un Europa che oggigiorno NON esiste.

Ciò che hanno fatto gli Inglesi è stato il primo atto concreto per dire NO all’attuale Europa oligarchica, anti-democratica, tirannica, fondata sulla supremazia economico-finaziaria.

Un NO che ha salvato tutti gli Europei da questo Mostrum, non solo il Popolo Inglese.

Un GRAZIE al Popolo Inglese che ha avuto il coraggio di dire: NO.

Un GRAZIE a tutti quei cittadini che hanno votato: NO.

Come disse Bernard Show: “I envy you the power to say no” (The doctor’s Dilemma).

Adesso anche gli Italiani dovrebbero seguire l’esempio Inglese.

Anche ai Cittadini Italiani (gli unici titolari della sovranità di questa Nazione, articolo 1 della Costituzione) deve essere dato il “diritto” di scelta con un referendum.

Gli Italiani devono scelgliere:

  • se salvare quell’Italia per la quale sono morti Grandi Uomini (vi ricordo le Guerre d’Indipendenza) ed onorare il loro Sacrificio;
  • oppure  “calpestare” gli ideali di quegli Eroi.

Ma, optando per la seconda ipotesi, gli Italiani tradirebbero e svenderebbero la Loro Eredità per un MISERO E SCHIFOSO PUGNO DI CARTA STRACCIA offerto dall’oligarchia finanziaria.

Farlo sarebbe abbandonare l’Italia ad una “nuova forma” d'”occupazione straniera” dalla quale, … Noi …, volemmo essere Liberi!

Uscire da quest’Europa, NON esclude che (in futuro, se esisteranno le condizioni) si possa aderire ad una “nuova” Europa completamente diversa come detto supra.

Ma per poter creare quell’Europa Migliore, Noi tutti dovremmo fare “scelte forti e decise” e saper dire CHIARI NO.

Bisogna saper dire NO, anche se il “gregge” Vi criticherà e/o Vi odierà … per non aver “belato” all’unisono.

Infatti, con i “ni” e con i “so” non si va da nessuna parte, come la Storia ha dimostrato.

Non permettete ai “corsi e ricorsi storici” di Vico di riportare in Italia nuove forme di “occupazione straniera”!

Per chi vuole leggere i lavori citati supra nel Post, qui infra riporto i links:

Epis L., The Meaning of Rule of Law. Link:The Meaning of Rule of Law – Book

Epis L. Alcune criticità inerenti l’azione di rettifica (D.P.R. n. 131 del 26/4/1986, artt. 51 e 52) ed il “valore venale” del bene. Link: http://www.lukae.it/?p=142

Per un resumè dei contentenuti scritti in The Meanig of Rule of Law rilvanti per questo Post potete vedere il Post: Rule of Law, Ancien Regime & European Uninion. It is a presentation of Epis’ work about: The Meaning of Rule of Law. Link: http://www.lukae.it/?p=1136

Rule of Law, Ancien Regime & European Union

This Post is a brief presentation of Epis’ book:The Meaning of Rule of Law.

This book reports studies that the writer did at the University of Cambridge in 2005/2006.

Nevertheless, this Post is useful for an understanting of: “what” the Principium of Rule of Law is; and “why” I affirmed that the European Union acted sometimes in violation of the principium of Rule of Law, looking a “new form” of Ancien Regime.

Even though the writer believes that:
1) a corpus of legal values should be written inside each Constitution;
2) and Judges, Lawyers and People, have the duty to defend those values against the tendency of the Power to go beyond them; …
… the study affirms that:
1) on one hand, the principium of Rule of Law (and/or Supremacy of Law) does not include a corpus of legal principles (and/or values) inside itself, as somebody affirmed;
2) on the other hand, the principium of Supremacy of Law means a more important legal value: the SUPREMACY of LAW ABOVE the POWER.

It was a Revolution, when Power believed to be above the Law.

It happened, exempli gratia, in France during the Ancien Regime.

Sovereigns, Nobles and whoever had some kind of Power, believed to be above the Law. They were used to act above Law.

Viola P. (1994) gave an example of this. He reported an anecdote happened between the Duke of Orleans and the King of France. When the Duke of Orleans said to the King: “Majesty, but it is illegal!”, the king answered: “No, It is legal because I will”.

The principium of Supremacy of the Law had the aim to end these kinds of Legal Systems. It states that everyone is under the Law.

Sovereigns, Nobles, Bureaucrats, Banks and Financial Powers, are all under the Law.

In other words, they have to comply with the Law. If they do not, they are an Arbitrary Power.

The latter is a Power that: either, it is not given by a Law; or, it is used without following the right procedures, which bind the exercise of that power.

As Power tends to go beyond its limitations, there is Arbitrary Power also inside our modern Legal Systems.

The principium of Supremacy of Law, hence, is still frequently violated. It is proved by some recent events happened inside the European Union and Institutions.

For example, when the President of Euro-group decided to exclude Greece, Varoufakis told him to be illegal (as the Duke of Orleans told to the King of France during the Ancien Regime). So, Varoufakis asked for a legal advice.

The lawyers and bureaucrats of the European Union answered him that the President of Euro-group could act as he/she wants! This is as the Euro-group does not exist for the Law!!

Hence, they argued: the Euro-group is above the Law!!!!!

In other words, the European Union answered like the King of France during the Ancien Regime.

But, if the Euro-group does not exist, the Euro-group is not above the Law.

Actually, all the Powers, Decisions and Acts, of the Euro-group are illegal, unlawful, illegitimate. This is told by the principium of Supremacy of Law.

On the contrary, the European Union is a New Ancien Regime. Nothing more! Nothing less!

So, how is it possible that the principium of Supremacy of Law is still violated, nowadays?

This is as the principium of Supremacy of Law was reduced by Power to be a simulacre a là Bauderillard (1981).

Power makes people forget its true meaning. It was done with a very easy game. A new set of meanings were put inside Supremacy of Law. All of them were pleasant, agreeable and fashionable, principles. But, they were also void principles as much as they were pleasant. At the end, people have forgotten the real meaning of Supremacy of Law.

Power started again to act above the Law a là Ancien Regime!!

Epis L., The Meaning of Rule of Law. Link to the e-book: The Meaning of Rule of Law – Book

Un esempio di come il Diritto può essere ridotto ad una “barzelletta” da alcuni avvocati!

Di recente, Mi è capitato d’assistere ad un fatto “giudicamente esilarante” (!), che non potevo non condividere con i miei lettori.

Nel narrare questa storia (… tratta da un reale procedimento giuridico: Giudice di Pace di Chiavari, Ruolo Generale numero 69/2016, abbreviato in G.d.P. di Chiavari, R. G. n. 69/2016 …), i nomi dei protagonisti sono stati sostituiti con degli pseudonimi. Avendo poca “fantasia”, gli pseudonimi sono quelli tipicamente usati negli esempi giuridici: Tizio; Caio e Sempronio.

Il protagonista di questa storia è Tizio. Tizio è uno dei tanti cittadini italiani, laureati in giurisprudenza. Nonostante ciò, decise di non iscriversi all’Albo degli Avvocati per diversi motivi. Fra questi, si può annoverare “un po’ di nausea” per come il Sistema Giuridico è stato ridotto: un Diritto trasmutato in “barzelletta“, ove la Giustizia non è null’altro che “l’interesse del più forte” (a là Trasimaco).

Ebbene, per farla breve, Tizio decise di citare in giudizio Caio. Caio è un piccolo imprenditore locale. Tizio gli affidò la riparazione hardware d’un computer. Nel farlo, commise lo stesso “errore” che Dio fece con Adamo: espresse un “divieto”. Gli disse di non “toccare” il software, di non accedere alla memoria, e se proprio doveva entrare nel computer, d’usare solo ed esclusivamente l’Utenza chiamata: “Zona Tecnico” (creata appositamente a tal fine).

Caio, di contro, come Eva non seppe resistere alla “tentazione” del “proibito”. Come fu lasciato solo col computer, nonostante non necessitasse d’usare alcuna Utenza (ed in ogni caso avesse a disposizione l’Utenza: “Zona Tecnico”) fece saltare tutte le passwords di tutte le Utenze, causando danni immensi al contenuto del computer, per come questo fu programmato a “resistere” a: tali “attacchi”; ed “accessi” NON autorizzati.

Così Tizio decise di citare Caio stando in giudizio personalmente (ovvero, senza un avvocato).

Utilizzò la procedura prevista dall’art. 316, 2 comma, cpc proponendo la domanda verbalmente al Giudice di Pace, il quale ne fece redigere processo verbale. L’attore notificò la domanda al convenuto (Caio): sia alla sua residenza; sia al suo domicilio; … come risultavano dalla visura fatta presso la Camera di Commercio.

Caio si rivolse ad un avvocato “di grido” di Santa Margherita Ligure: Sempronio. L’avvocato Sempronio, in udienza, fu una Pacchia. Fece costituire due volte il “povero” Caio: una volta come Caio, persona fisica ed imprenditore, che avrebbe ricevuto l’atto presso il suo domicilio; una volta come Caio persona fisica non imprenditore, che avrebbe ricevuto l’atto presso la sua residenza!!!!.

Caio firmò pure due procure nelle due “vesti”!!!!!!!!!!

Questo fu quanto, di più esilarante poteva accadere!! L’avvocato Sempronio non arrivò “a cercare mezzogiorno alle tre” (come direbbe Gurdieff), ma trasmutò il diritto stesso (… persino il suo ABC …) in una vera e propria “barzelletta“.

Con la duplice costituzione, Caio chiese al giudice una duplice condanna alle spese per l’attore!! Ora mi chiedo, invece, se il giudice non dovrebbe condannare duplicemente Caio per lo stesso motivo!!

Infatti, l’errore commesso dall’avvocato Sempronio è imperdonabile (rasentando: la responsabilità professionale; e la violazione della deontologia professionale).

L’impresa individuale non ha personalità giuridica di alcun tipo come precisato dalla Suprema Corte di Cassazione (Cassazione, sez. III Civile, n. 6734 del 2011): “non vi è diversità tra colui che viene indicato come titolare di una “ditta” (o, rectius, “impresa”) individuale ed il medesimo come persona fisica, visto che, per scolastica nozione, quella non ha alcuna autonomia patrimoniale ed il primo si risolve nel secondo, senza possibilità di tenere distinti, in capo al medesimo soggetti, i rapporti a lui facenti capo quale imprenditore e quelli estranei all’impresa“.

Una visione pacificamente riconosciuta pure dalla giurisprudenza di merito, exempli gratia, il Tribunale di Modena (sentenza n. 341 del 2010) ha affermato che la domanda proposta nei confronti d’una Impresa Individuale (alias: “ditta individuale”) deve ritenersi intentata, ai fini della legittimazione passiva, contro la persona fisica del suo titolare, in quanto la ditta non ha soggettività giuridica distinta ma si identifica con il titolare, sotto l’aspetto sia sostanziale che processuale.

Ora, Tizio (conoscendo alcuni dei “mattacchioni” che s’aggirano nel “fu Foro di Chiavari”) volle scongiurare proprio tale incresciosa evenienza. Egli precisò come la citazione fosse fatta contro l’impresa individuale di Caio, ovvero” (… a scanso d’equivoco …) “essendo impresa individuale, contro il Sig.” Caio. L'”ovvero” aveva un ruolo esplicativo, sintetizzante e richiamante, la giurisprudenza indicata supra, proprio per evitare “confusione” negli avvocati!

Purtroppo, come spesso accade, quando si cerca di “prevenire qualcosa” si porta quel “qualcosa” (che si vuole prevenire) ad essere!

Vi ricordate cosa J. R. R. Tolkien fece dire a Galadriel circa il suo Specchio: “Remember that the Mirror shows many things, and not all have yet come to pass. Some never come to be, unless those that behold the visions turn aside from their path to prevent them“.

Un concetto ripreso dal mito greco. Vi ricordate Edipo. Ebbene, il mito d’Edipo non dice nulla di quello che Freud gli fece dire. Freud era solo uno fissato col sesso!! Di contro, il mito d’Edipo esprime proprio il concetto della “Profezia che si auto avvera“, nel momento in cui chi riceve la profezia cerca di fare “qualcosa” per impedire che possa avverarsi!!

Edipo, infatti, non volendo che la profezia si realizzi, cambia direzione. Non torna a Corinto ma decide d’andare a Tebe. Ma fu proprio questo che la fece realizzare!!

Per un capriccioso Fato, ciò accadde anche a Tizio. Tizio, senza bisogno di recarsi a Delphi, conosceva bene gli avvocati locali e cosa avrebbero eccepito. Così, cercò di “prevenire” che il Diritto fosse ridotto a “barzelletta”. Volle subito precisare che l’impresa individuale s’identifica con la persona fisica del suo imprenditore. Ma, nonostante ciò, come c’insegna il mito greco e come Tolkien ha ripetuto, nel momento in cui si cerca d’impedire ad “una visione del futuro” di diventare presente, ecco che questa si realizza.

Così, il diritto tornò ad essere una “barzelletta”!

La domanda che lascio ai miei lettori, ora è questa: chi è il “colpevole”?

L’avvocato iscritto all’Albo!?!?

Tizio che ha tentato d’impedire alla “profezia” di realizzarsi!?!?

Oppure, gli stessi “corsi e ricorsi storici“, che portano i miti a ripetersi nel tempo, nei confronti dei quali le persone non possono far nulla !?!?

In ogni caso questa doppia costituzione in giudizio  dell’imprenditore è un fatto giuridicamente interessante e divertente che non poteva passare in silenzio !!!!!!!!!!!

“Qualcosa” sul “Dogma” della Nullità Assoluta ed Insanabilità degli Atti sottoscritti da chi è privo d’Jus Postulandi

ABSTRACT

In questo Post vengono sviluppate alcune riflessioni giuridiche, analizzando la giurisprudenza di legittimità, sulla “reticenza” mostrata dalla Suprema Corte nel sollevare eccezioni dì incostituzionalità che vadano a “minare” la “Dottrina della Nullità Assoluta ed Insanabile” degli atti sottoscritti da persona priva di Jus Postulandi.

RATIONALE

Alcune persone Mi hanno chiesto “perchè” la Suprema Corte non abbia voluto accogliere l’eccezione di incostituzionalità posta nel secondo motivo del ricorso (RG n. 20029/2011) di cui si è parlato nell’articolo pubblicato l’8 Aprile 2016 (Praticanti Avvocati & Jus Postulandi – La Sentenza della Suprema Corte di Cassazione, II Sezione Civile, numero 3917 del 20 Gennaio, depositata il 29 Febbraio 2016).

Precisando che si rispetta appieno la decisione della Suprema Corte, come giurista però non posso sottrarmi ad una riflessione in thema. Così, non potendo conoscere le ragioni vagliate dai supremi giudici in camera di consiglio, posso solo fare delle riflessioni giuridiche analizzando la giurisprudenza di legittimità nel suo sviluppo storico.

Per chi non avesse letto l’aricolo del 8 Aprile 2016 si riassume l’eccezione sollevata alla Suprema Corte.

I ricorrenti eccepirono la violazione e la falsa applicazione dell’art. 182 c.p.c. (sollevando una questione di legittimità costituzionale degli artt. 82 e 182 c.p.c. verso gli artt. 2, 3, 24, 111 della Costituzione) qualora interpretati in modo tale da escludere categoricamente la sanatoria prevista dall’art. 182 c.p.c. per gli atti sottoscritti da un Praticante Avvocato Abilitato al Patrocinio eccedenti i limiti del suo Jus Postulandi.

La questione di legittimità costituzione riguardava alcune interpretazioni di questi articoli: le norme (proposizioni normative) estratte dalle disposizioni legislative (enunciati normativi). Essa non concerneva le disposizioni legislative in quanto tali.

I ricorrenti “sfidarono” la dottrina della “nullità assoluta ed insanabile” dell’atto introduttivo sottoscritto da soggetto privo d’Jus Postulandi (all’interno del processo civile) osservando come questa dottrina, di fatto, fosse già stata superata all’interno del Nostro Ordinamento nel 2000 (e/o almeno fosse stata messa in discussione).

Infatti, nella giurisdizione tributaria fu sollevata tale questione alla Corte Costituzionale che affermò nella celebre sentenza n. 186 del 13/06/2000 che: l’atto introduttivo del giudizio (ricorso), depositato e sottoscritto da persona sprovvista d’Jus Postulandi, non comportasse l’inammissibilità (e/o una nullità assoluta ed insanabile) dell’atto introduttivo stesso, bensì il potere del Giudice di assegnare un termine perentorio per permettere alla parte di sanare tale irregolarità, nominando un difensore con Jus Postulandi.

Questo creò, all’interno del Nostro Ordinamento, una disparità di trattamento (poco compatibile con l’art. 3 della Costituzione) tra la giuristizione tributaria e quella ordinaria civile. Una disparità di trattamento che non trovava motivi giuridici atti a giustificarla.

Infatti, analizzando le discipline degli artt. 12 della L. 546/1992 (Jus Postulandi nel Processo Tributario) e 82 c.p.c. (Jus Postulandi nel Processo Civile) si scopre che esse sono sostanzialmente simili. In realtà, l’art. 12 della L. 546/1992 trova la sua “ispirazione” nell’art. 82 c.p.c.. Così, non apparirebbe ragione alcuna atta a motivare un diverso regime delle nullità.

Ipotizzando che l’agire del Legislatore è un agire razionale (mirante ad armonizzare la legge ai principii costituzionali), i ricorrenti sostennero che con la novellazione del 2009 si volle eliminare questa disparità di trattamento proprio con l’art. 182 c.p.c., introducendo nel processo civile i principii affermati dalla Corte Costituzionale.

Fu sostenuto che, se il Legislatore volle novellare il codice di procedura civile non lo volle fare per conservare lo status a quo delle cose, ma per introdurre dei cambiamenti.

Questi, nel caso specifico, sarebbero stati: armonizzare le diverse discipline che si erano venute a creare sui difetti di procura e di rappresentanza tra la giurisdizione ordinaria civile e quella tributaria.

Per tali motivi, i ricorrenti sostennero che il Giudice disapplicò l’art. 182 c.p.c. escludendone l’applicazione ai Praticanti Avvocati con Abilitazione al Patrocinio.

La Suprema Corte, di contro, ribadì la pre-vigente dottrina della “nullità assoluta ed insanabile”, “tagliando corto” sui motivi dedotti e sostenuti.

Alcuni lettori, così, mi hanno chiesto alcune riflessioni su tale “reticenza” mostrata dalla Suprema Corte.

LA SENTENZA N. 189 DEL 13 GIUGNO 2000 DELLA CORTE COSTITUZIONALE 

E’ doveroso dire che, per tradizione, la Suprema Corte ha sempre difeso il “dogma” della Nullità Assoluta ed Insanabile degli atti sottoscritti da persona priva di Jus Postulandi.

Infatti, questa dottrina fu sostenuta con forza all’interno dello stesso processo tributario ( Cass. n. 1781 del 03/03/1999; Cass. n. 7966 del 12/06/2000; Cass. n. 10133 del 02/08/2000).

Tale tesi fu “sfidata” dalla setenza interpretativa di rigetto della Corte Costituzionale n. 198 del 13/06/2000 (confermata successivamente con l’ordinanza n. 158 del 09/05/2003).

La Corte Costituzionale affermò che la violazione dell’obbligo d’asistenza tecnica, ovvero la sottoscrizione dell’atto introduttivo da persona priva d’Jus Postulandi, non comporti la nullità assoluta ed insanabile e/o l’inesistenza, ovvero l’inammissibilità del ricorso, in quanto fa scattare il potere/dovere dei giudici d’asegnare un termine perentorio per sanare la situazione. Solo nel mancato rispetto del termine si sarebbe verificata l’inammissibilità.

Da un punto di vista giuridico, ci si sarebbe aspettati un adeguamento immediato da parte della giurisprudenza di legittimità nei confronti della decisione della Corte Costituzionale. Ciò però non avvenne.

Inizialmente, infatti, la Suprema Corte “rifiutò″ d’applicare tale decisione. La sezione tributaria della Suprema Corte, infatti, si rifiutò di dare applicazione a tale principio (Cass. n. 1100 del 29/01/2002).

Ciò rese necessario l’intervento delle Sezioni Unite, le quali, di contro, accolsero il principio emesso dalla Corte Costituzionale (Cass., SS.UU., n. 22601 del 08/07/2004).

Solo dopo la decisione delle Sezioni Unite,  la Suprema Corte “accolse” tale principio all’interno della giurisdizione tributaria (Cass. n. 15958 del 13/06/2008; Cass. n. 246 del 09/01/2009; Cass. ord. 19636 del 16/09/2010).

Questo dimostra come la Suprema Corte in thema di nullità assoluta per difetto d’Jus Postulandi tenda a muoversi “cautamente”.

Il ricorso n. 20029/2011 fu il primo ricorso fatto (dalla novellazione del 2009) sull’art. 182 c.p.c. In particolare fu il primo a sollevare tale questione.

Quindi, visti i precedenti, apparirebbe “scontata” una iniziale “titubanza” da parte della Suprema Corte.

Cio non toglie che, come già accaduto nella giurisdizione tributaria, qualora la questione fosse sollevata dai giudici di merito ed accolta dalla Corte Costituzionale, si possa giungere ad una diversa interpretazione.

Ma nel Mondo Giuridico, nulla accade velocemente!

Tasse sulle Concessioni Governative & Utenze di Telefonia Mobile mai possedute – Un Caso

ABSTRACT
Ad alcuni capita di ricevere delle bollette per utenze telefoniche di cui non conoscevano neppure l’esistenza. Ad altri capita di ricevere degli avvivi di accertamento per omesso pagamento della tassa sulle concessioni governative per l’uso di cellulari. Quest’ultima situazione sarebbe “normale” se non fosse che: tale accertamento riguardi utenze mai esistite ed avute. Questi casi sono più comuni di quanto si pensi.

Spesso, dato che tali situazioni sono di modico valore (100,00 – 300,00 euro), non è possibile (di fatto) accedere alla tutela legale. Questo avviene per vari motivi (… che tratteremo in un altro articolo …). Exempli gratia, da una parte è difficile trovare un avvocato disponibile ad assumere cause “bagatellari”. Bagatellare è un processo di modico valore da un punto di vista meramente economico. Il termine non si riferisce all’importanza giuridica. Esso deriva dalla procedura bagatellare (Bagatellverfahren) prevista nel diritto austriaco (usata nella Venezia Giulia e Trentina fino al 1929) che prevedeva per le cause di modico valore forme semplificate. Da un’altra parte, quando si trova un legale e si viene a conoscenza dei costi, le persone preferiscono pagare l’indovuto poiché, alla fine, gli costa meno.

Questo, di fatto, crea una “zona franca d’illegalità” per tutte le questioni di modico valore, nella quale, l’impossibilità fattuale di tutelare il diritto stimola, incentiva ed accresce, i comportamenti illeciti (premiando quest’ultimi).

Non solo, alla fine un atto illegittimo, qualora non impugnato nei termini di decadenza, diventa definitivo.

Da questa situazione c’è solo un’uscita. Per le cause di modico valore, infatti, i cittadini dovrebbero riappropriarsi dell’esercizio della difesa personale. Cosa possibile nella giurisdizione tributaria. Infatti, il legislatore ha concesso l’Jus Postulandi (la possibilità di: sottoscrivere il ricorso; e, stare in giudizio personalmente) alle parti quando il valore della lite è inferiore ai 2.592,28 euro (ex art. 12, 5 comma, del D. L.vo n. 546/1992).

Dato che, molto spesso, i cittadini non sanno come esercitare tale diritto e quali eccezioni proporre, con questo Post si vuole illustrare un caso avvenuto. Esso può rappresentare, per quei volenterosi, un modello utile per affrontare da soli un ricorso in thema.

INTRODUZIONE

Non di rado capita che alcune Compagnie Telefoniche attribuiscano “utenze fantasma” a cittadini ingnari di ciò. Questo, non solo può comportare problemi civilistici, ma anche tributari.

Da un punto di vista civilistico, un soggetto può ricevere una bolletta / fattura per un’utenza inesistente. Il cittadino, così, si trova costretto a presentare un reclamo alla Compagnia Telefonica. Nell’inerzia della Compagnia Telefonica, spetta sempre al cittadino attivare: prima, la procedura di conciliazione difronte al CO.RE.COM. (conciliazione obbligatoria); e poi un processo civile d’innanzi al giudice naturale (che spesso, per valore, è il Giudice di Pace).

Da un punto di vista tributario, di contro, il soggetto può ricevere un avviso di accertamento fatto dall’Agenzia delle Entrate. Exempli gratia, questo accade quando l’utenza riguarda un telefono mobile. Al cittadino può essere “imputato” il non aver pagato la “tassa sulle concessioni governative” sui cellulari.

Quest’ultima evenienza accadde al contribuente di questo caso. Per riservatezza, chiameremo questo contribuente (fittiziamente) Tizio e lo indicheremo in sentenza con la lettera E.

Tizio stipulò un contratto per trasferire due utenze di telefonia mobile (che aveva con la TIM, mantenendo i relativi numeri telefonici) con la Vodafone. Il trasferimento delle utenze, però, NON ebbe mai luogo. Così, sia le bollette e sia le relative tasse governative furono regolarmente pagate da Tizio con  la TIM.

A distanza d’anni, Tizio riceve un avviso d’accertamento per l’omesso pagamento della tassa sulle concessioni governative per un presunto numero telefonico mai avuto. Secondo l’Agenzia delle Entrate, Tizio avrebbe posseduto un’utenza di telefonia mobile con la Vodafone che, di contro, non ebbe.

Infatti, Tizio non ebbe alcuna utenza con la Vodafone!

Falliti i tentativi per ottenere un annullamento dell’atto in autotutela, Tizio presentò Ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale. Durante la fase di Reclamo, l’Agenzia delle Entrate, non si rese disponibile a vagliare le ragioni del cittadino. Non solo, al cittadino non fu permesso neppure di conoscere quali fossero gli atti posti alla base dell’accertamento!!

Solo durante la fase di giudizio, il cittadino poté conoscere ciò che l’Agenzia delle Entrate pose a fondamento dell’accertamento. Ciò fu il contratto stipulato da Tizio con la Vodafone per trasferire le due utenze che aveva con la TIM (come detto supra). Un contratto, che però, non ebbe mai esecuzione e, soprattutto, NON riguardava l’utenza imputatagli.

La Commissione Tributaria, preso atto dell’inesistenza dell’utenza, annulla l’avviso di accertamento.

I MOTIVI DI DIRITTO ECCEPITI DAL RICORENTE

Il ricorrente, innanzi tutto, eccepì: l’assenza del presupposto di fatto per il tributo; la pregiudiziale civile.

L’assenza del presupposto di fatto consisteva nell’inesistenza dell’utenza per cui si chiedeva il tributo. La prova era data dall’inesistenza d’un contratto tra Tizio e la Vodafone per l’utenza in questione.

Una questione che la Commissione Tributaria poteva accertare all’interno d’una pregiudiziale civile.

Come secondo motivo di ricorso, il ricorrente, eccepì la nullità per assenza del contradittorio endo-procedimentale. Quest’ultimo, come ribadito dalla Cassazione (Sez. Unite, sentenza n. 19661/2014) e dalla giurisprudenza di merito (e.g.: Commissione Tributaria Provinciale di Genova, sez. 14, sent. 2019/14/2015) costituisce un principio generale del Nostro Ordinamento sempre applicabile anche in difetto di specifiche previsioni normative ad hoc per il singolo tributo.

Per finire, il ricorrente chiese un rimborso per le spese.

Fu fatto presente che il ricorso fu reso necessario da una assente “collaborazione” da parte dell’Agenzia delle Entrate (exempli gratia: non permise di conoscere gli atti posti a fondamento dell’accertamento; non considerò le istanze del contribuente in sede di autotutela e di reclamo). Tecnicamente, tali comportamenti furono eccepiti come delle violazioni al principio di correttezza (exempli gratia: art. 2 Cost.; art. 1175 c.c; Statuto del Contribuente).

La Commissione, come detto, annullò l’atto impugnato.

Qui è riportato il testo della sentenza.

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

La Commissione Tributaria Provinciale di Genova, sezione 14, riunita con l’intervento dei Signori:

Dott. Di Napoli Raffaele (Presidente)

Dott. Vinciguerra Gabriele (Relatore)

Dott. Simonazzi Roberto (Giudice)

ha emesso la seguente

sentenza

- sul ricorso n. 1359/2015;

depositato il 26/06/2015

- avverso l’Avviso di accertamento n. 13000401 TRIB. ERARIALI 2013, TASSE CC.GG.CEL

contro:

Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Genova

proposto dal ricorrente:

E. L. N. ( … Omissis …)

CONCLUSIONI DELLE PARTI

Per il ricorrente: annullamento dell’atto impugnato; con vittoria di spese.

Per l’ente resistente: respingere il ricorso; con vittoria di spese.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso ritualmente notificato E. impugnava presso la Commissione Tributaria Provinciale di Genova l’avviso di accertamento n. 13000401 \ 13, anno 2013, relativo al mancato pagamento della tassa di concessione governativa per utilizzo di telefono cellulare.

Sosteneva il ricorrente di non aver mai posseduto un cellulare avente il numero riportato nell’atto di accertamento.

Si costituiva l’Agenzia delle Entrate chiedendo il rigetto della domanda.

La causa era decisa all’udienza del 19.01.16.

MOTIVI DELLA DECISIONE

L’Agenzia delle Entrate pretende dal sig. E. il pagamento della somma di euro 127,39 a causa del mancato versamento “delle tasse sulle concessioni governative” per l’utilizzo di telefoni cellulari, e relativamente al n. Vodafone 3477587091.

Non c’è però corrispondenza tra i nn. di telefono indicati sul contratto stipulato in data 25/09/13 tra il ricorrente e la Vodafone, in atti, e quello per cui si richiede il versamento della tassa.

Appare perciò plausibile la tesi di parte ricorrente, che sostiene di non aver mai attivato il n. 3477587091, non avendo avuto seguito i rapporti intercorsi con la Vodafone.

Il ricorso deve essere accolto. Le spese seguono la soccombenza si liquidano come in dispositivo.

P.Q.M.

LA COMMISSIONE

In accoglimento del ricorso, dichiara illegittimo e annulla l’atto impugnato. Condanna la convenuta al rimborso, in favore di controparte, delle spese di giudizio, che liquida in 200,00 oltre rimborso forfettario del 15%.

Genova, 19 / 01 /2016

Il Relatore

Gabriele Vinciguerra

Il Presidente

Raffaele di Napoli

Praticanti Avvocati & Jus Postulandi – La Sentenza della Suprema Corte di Cassazione, II Sezione Civile, numero 3917 del 20 Gennaio, depositata il 29 Febbraio 2016.

ABSTRACT
Col presente Articolo pubblichiamo la Sentenza della Suprema Corte di Cassazione, II Sezione Civile, del 20 Gennaio 2016 (depositata in Cancelleria il 29 Febbraio 2016) numero 3917 con la quale, in virtù del Principio di Diritto affermato, sono stati chiariti tutti i dubbi interpretativi inerenti all’Jus Postulandi dei Praticanti Avvocati Abilitati al Patrocinio. Nel silenzio della legge, ed in assenza di specifici precedenti in thema nella Giurisprudenza di Legittimità, fino ad oggi, tale disciplina rimase controversa.

L’articolo, che precede al testo della sentenza (riportata per intero nell’appendice in fondo), è scritto da chi ha seguito, passo dopo passo, l’intera vicenda, in fatto ed in diritto, studiando la questione approfonditamente per anni.

Nell’articolo sono riportati ed indicati (in esclusiva per i lettori del sito) i motivi di diritto che hanno reso necessario proporre il ricorso in Cassazione. L’indicazione dei motivi di diritto eccepiti, sostenuti ed argomentati durante lo svolgimento del ricorso, è necessaria ed utile a qualsiasi giurista (Avvocato; Professore; Ricercatore; etc…) che, al di là della massima, voglia comprendere profondamente il Ragionamento Giuridico della Suprema Corte.

Exempli Gratia, un giurista (avvocato) interessato a “ripresentare” la questione di legittimità costituzionale, potrebbe comprendere quali sono stati i motivi di diritto proposti e non cosiderati dalla Suprema Corte al fine di: non rifondare un ricorso sugli stessi motivi; e/o affiancare a quelli, altri motivi non precedentemente considerati. Per un ricercatore, di contro, ciò è fondamentale per comprendere le “direttrici evolutive” del Diritto e della Giurisprudenza.

Il testo della sentenza, infatti, non esplicita chiaramente i motivi che sono stati rigettati. Tale silenzio è “forte”, soprattutto, nel secondo e terzo motivo del Ricorso.

Non solo, i commenti, pubblicati fino ad oggi, hanno mostrato una certa superficialità nell’affrontare le istanze giuridiche alla base della decisione.

In sintesi: il principio di diritto affermato dalla Suprema Corte risolve la questione giuridica inerente all’Jus Postulandi dei Praticanti Avvocati con Abilitazione al Patrocinio. In particolare, era dubbio se i Praticanti Avvocati con Abilitazione al Patrocinio potessere, oppure no, proporre appello verso le decisioni del Giudice di Pace, quando la “res contesa” rientrava per valore, materia e territorio, nella loro “competenza”.

La Suprema Corte chiarisce che, nel silenzio della legge, la disposizione normativa debba essere INTERPRETATA RESTRITTIVAMENTE. Pertanto, al Praticante Avvocato con Abilitazione al Patrocinio non è riconoscita la possibilità di proporre appello contro le sentenze del Giudice di Pace (anche qualora la “res contesa” rientri nei limiti di valore, materia e territorio, attinenti al suo “Jus Postulandi“).

La pronuncia riguarda la disciplina del tirocinio forense, ratione temporis, disciplinata dall’art. 7 della L. n. 479 del 16/12/1999 che modificò l’art. 8 del R.D.L. n. 1587/1933.

Di contro, oggi, la disposizione legislativa “in forza” è quella dell’art. 41 della legge n. 247/2012 che ha introdotto la “nuova disciplina dell’ordinamento della Professione Forense”. Questo articolo esclude ai Praticanti Avvocati “… un proprio …” Jus Postulandi. Essi, di contro, possono “… esercitare attività professionale in sostituzione dell’avvocato” presso il quale svolgono “la pratica e comunque sotto il controllo e la responsabilità dello stesso anche se si tratta di affari non trattati direttamente dal medesimo, in ambito civile di fronte al tribunale e al giudice di pace, e in ambito penale nei procedimenti di competenza del giudice di pace, in quelli per reati contravvenzionali e in quelli che, in base alle norme vigenti anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legislativo 19 febbraio 1998, n. 51, rientravano nella competenza del pretore”.

La sentenza della Suprema Corte può essere vista come una decisone che si pone “in linea” con gli attuali sviluppi legislativi e con le attuali politiche riformatrici che si sono affermate nella riforma dell’Ordinamento Forense del 2012.

INTRODUZIONE

La sentenza della Suprema Corte di Cassazione, II Sezione Civile, del 20 Gennaio 2016 (depositata in Cancelleria il 29 Febbraio 2016) numero 3917 pone fine alle discussioni ed alle controversie che si erano venute a formare sull’Jus Postulandi dei Praticanti Avvocati con Abilitazione al Patrocinio. Da tempo, infatti, ci si chiedeva se i Praticanti Avvocati Abilitati al Patrocinio avessero, oppure no, la facoltà di proporre appello contro le sentenze emesse dal Giudice di Pace, quando la “res contesa” rientrava nei limiti (per: valore; materia; territorio) indicati dall’art. 7 della Legge n. 479/1999.

La questione giuridica affrontata e risolta dalla Suprema Corte ruota attorno alla INTERPRETAZIONE dell’art. 7 della L. n. 479/1999 (cd. Legge Carotti). Un articolo che elenca dettagliatamente e tassativamente i limiti dell’Jus Postulandi attribuito ai Praticanti Avvocati dopo il conseguimento dell’Abilitazione al Patrocinio. Quest’ultimi, infatti, possono esercitare la professione dinanzi al Giudice di Pace ed al Tribunale in composizione monocratica entro alcuni limiti.

La Cassazione ha affermato che l’art. 7 della Legge n. 479/1999 debba essere INTERPRETATO RESTRITTIVAMENTE in quanto eccezione alla regola generale espressa dall’articolo 82 del codice di procedura civile. Con tale affermazione, la Suprema Corte ha ribaltato la tesi dei Ricorrenti che sostenevano, sì, una INTERPRETAZIONE RESTRITTIVA: ma NON della disposizione legislativa (enunciato normativo) che attribuiva l’Jus Postulandi al Praticante Avvocato d’innanzi al Giudice di Pace ed al Tribunale in composizione Monocratica (regola generale); ma delle disposizioni legislative (enunciati normativi) che ponevano le eccezioni a tale Jus Postulandi ponendo dei limiti per valore, materia e territorio (eccezioni alla regola generale che attribuiva l’Jus Postulandi).

Tale disposizione legislativa che riguardava i Praticanti Avvocati nell’esercizio del loro tirocinio, infatti, è un enunciato normativo che, in quanto tale, non può essere interpretato per analogia (e/o esteso a casi simili) proprio perché riguarda i soli Praticanti Avvocati. Di contro, tale disposizione legislativa (nei soli confronti dei Praticanti Avvocati) si suddivide in: una regola generale, che concede a quest’ultimi l’Jus Postulandi dinanzi al Giudice di Pace ed al Tribunale in composizione monocratica; ed una regola speciale, composta da un elenco tassativo di eccezioni, che limita per valore, materia e territorio, l’Jus Postulandi dato. Questa, secondo i ricorrenti, era la struttura della norma esaminata analiticamente.

In questa prospettiva, sempre secondo i ricorrenti, si sarebbe dovuto INTERPRETARE RESTRITTIVAMENTE l’elenco tassativo di eccezioni e limiti.
Una diversità d’opinione, rispetto quella affermata dalla Suprema Corte, che è parte della normale dialettica giuridica necessaria all’evoluzione del Diritto.

Di sfondo, c’erano altre questioni:
• l’applicabilità dei termini e della sanatoria prevista dall’art. 182 c.p.c.;
• alcune eccezioni d’incostituzionalità dell’artt. 82 e 182 c.p.c. (ovvero: d’alcune loro interpretazioni);
• la nullità della sentenza per violazione del principio del contradittorio (che fu messa: sia in narrativa; e sia all’interno degli altri motivi presentati). Essa svolgeva un effetto rafforzativo, echeggiando: sia come un autonomo argomento di diritto; sia come un argomento a fortiori che ribadiva come tali violazioni comportavano la, e furono commesse in, violazione del principio del contradittorio, comportando la nullità prevista dall’art. 101 c.p.c. .

La scelta della Corte di non considerare l’eccezione di nullità detta supra (omettendo alcun riferimento ad essa nel testo della sentenza) sembra più una decisione di economia processuale fatta per evitare un nuovo processo di appello nel quale, il giudice di rinvio avrebbe dovuto decidere secondo il principio di diritto affermato dalla Corte.

In altre parole, la Suprema Corte ha volute evitare una dichiarazione di nullità per una sentenza con la quale si dichiarava nullo un appello, per evitare un nuovo processo di appello nel quale, il Giudice di Rinvio (applicando il principio detto), avrebbe dovuto dichiarare nuovamente la nullità dell’appello !?!? Tutto chiaro?

Tale scelta, non si spiega se non come una decisione di economia processuale. Infatti, solo pochi mesi prima, la Suprema Corte aveva affermato la nullità d’ogni decisione presa in violazione del principio del contradittorio, escludendo la così detta “terza via” e/o la possibilità del giudice d’eccepire d’ufficio qualsiasi questione senza concedere i termini per integrare il contradittorio.

ANTEFATTO

Come ricostruito dalla Suprema Corte, “E.L. ed Ep.Lo. convennero in giudizio il Comune di Rapallo, proponendo opposizione avverso il verbale loro notificato, relativo a contravvenzioni al codice della strada, e chiedendone l’annullamento”.

Infatti, la sanzione era del tutto infondata ed illegittima in base allo stesso verbale ed al rapporto sull’incidente redatto dall’agente di polizia municipale. Durante il procedimento di opposizione, per confermare la sanzione amministrativa emessa, l’agente di polizia municipale del Comune di Rapallo cambiò completamente versione. Per confermare la legittimità della sanzione, egli raccontò i fatti in modo completamente diverso rispetto al verbale ed al rapporto sull’incidente da lui stesso redatto!! Sulla base di tale testimonianza, paradossalmente, il Giudice di Pace di Rapallo rigettò l’opposizione e confermò la sanzione amministrativa compensando le spese di giudizio.

La sentenza fu impugnata per diversi vitia. Tra i più “grossolani” c’erano: la contraddittorietà fra quanto testimoniato dall’agente di polizia municipale e quanto dichiarato nel verbale e nel rapporto sull’incidente; la contraddittorietà della sentenza e del suo sillogismo. Infatti, era impossibile sussumere la conclusione assunta dal Giudice di Pace, una volta poste come premesse: la fattispecie fattuale emergente dal rapporto e/o dalla testimonianza; e la fattispecie giuridica indicata dalla sanzione amministrativa presente nel verbale notificato. Infatti, la sanzione amministrativa emessa dal Comune di Rapallo NON era “compatibile” in entrambe le “versioni” date. A tutto ciò, s’aggiungevano una pletora di altri vitia, in fatto ed in diritto, che rendevano necessario un appello. “Ciliegina sulla torta” era il fatto che, l’agente di polizia municipale, di fatto, dando due versioni completamente diverse: o, fece falsa testimonianza; o, dichiarò il falso in un atto pubblico.

L’appello fu presentato da un Praticante Avvocato con Abilitazione al Patrocinio (… che nel caso specifico fui Io …). Questo poiché fino all’ora, di fatto, ciò era “permesso” nel Foro di Chiavari. Nessuna eccezione, di solito, veniva sollevata sulla questione nel silenzio della legge. Nessuna indicazione diversa fu data dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Chiavari, quando chiesta.

Durante il procedimento d’Appello, infatti, l’avvocato Nicatore (che rappresentava il Comune di Rapallo), non sollevò alcuna eccezione circa l’assenza dell’Jus Postulandi del Praticante Avvocato con Abilitazione al Patrocinio. La questione, di contro, fu sollevata (in violazione: del principio del contradittorio; dell’art. 101 del Codice di Procedura Civile, come novellato dall’art. 45 della legge n. 69 del 18 Giugno 2009; degli artt. 24 e 111 della Costituzione) dal Giudice del Tribunale, Dott. Del Nevo, il quale la rilevò direttamente in sentenza, senza concedere alle parti i termini per integrare il contradittorio. Su tale eccezione rilevata d’ufficio, il Giudice dichiarò la nullità dell’appello per difetto d’Jus Postulandi, così evitò d’entrare nel merito dello stesso. La sentenza, infatti, non si pronuncia, neppure per obiter dictum e/o indirettamente, su alcuno dei motivi di diritto e di fatto oggetto dell’appello, né tanto meno sulla legittimità o meno della sanzione.

La sentenza fu notificata dal Comune di Rapallo a E. L. e Lo. Ep., subito dopo il suo deposito in cancelleria, così che iniziarono a decorrere i termini brevi per proporre Ricorso in Cassazione.

Fu grazie all’avv. Stefano Savi del Foro di Genova, all’ora Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Genova, che il Ricorso fu reso possibile.

Da qui, in poi, devo fare alcune precisazioni. Da una parte, ho da ringraziare diversi giuristi (Avvocati; Professori; Ricercatori; etc…) coi quali ho avuto, a vario titolo, scambi d’idee sul thema (… essi hanno reso possibile trasmutare questo ricorso in una dotta disquisizione giuridica, ove la riflessione sui principi di diritto prevaleva rispetto il fatto sottostante …). Dall’altra parte, ho da dire che ogni responsabilità sulle strategie processuali, sulle eccezioni e sulle argomentazioni giuridiche, usate per sostenere il ricorso (e per l’esito avuto) è solo Mia, nessun biasimo può essere imputato a loro.

Per finire, preciso che il merito del principio di diritto affermato (che piaccia oppure no) è del Giudice Dott. Del Nevo e degli Eccellenti Giudici della Suprema Corte di Cassazione, i quali hanno arricchito di molto i motivi di diritto posti alla sua base.

Tale decisione della Corte, ed il principio affermato, non è una “vittoria” dell’avv. Nicatore (e/o del Comune di Rapallo) che, di contro, non hanno eccepito la questione in Appello ed hanno rivestito un ruolo passivo in Cassazione, limitandosi a “ripetere” quanto affermato ex ufficio dal Giudice Dott. Del Nevo. Anche in Udienza Pubblica (il Comune di Rapallo) si è limitato a sostenere (in una battuta) l’inammissibilità del Ricorso (… una tesi non accolta dalla Suprema Corte di Cassazione).

RICORSO IN CASSAZIONE & LE QUESTIONI GIURIDICHE AFFRONTATE

Col primo motivo di ricorso si era fatta una succinta ricostruzione storica dello sviluppo legislativo inerente all’Jus Postulandi dei Praticanti Avvocati. In essa, furono indicati anche i precedenti della giurisprudenza di merito sui quali era basata la decisione del Giudice Dott. Del Nevo (exempli gratia, la prima sentenza in thema fu emessa dal Tribunale di Modena, sentenza n. 38/2006).

Tale introduzione, che fungeva da argomento storico per guidare il ragionamento giuridico verso le conclusioni prospettate dai ricorrenti, proseguiva nel sostenere che l’art. 7 della L. n. 479 del 16/12/1999 conferiva ai Praticanti Avvocati Abilitati al Patrocinio l’Jus Postulandi di proporre appello contro le sentenze del Giudice di Pace, in quanto, il legislatore non lo escluse.

La possibilità d’appellare le sentenze del Giudice di Pace, infatti, non compariva nell’elenco tassativo dei limiti all’Jus Postulandi concesso (come detto supra). Esso, infatti, non era indicato nei limiti di materia, valore e territorio.

Si era reputato che la Suprema Corte di Cassazione (Cass. Civ. Sez. Lavoro, sentenza n. 10102 del 29 aprile 2013) avesse “aperto” ad una interpretazione capace di distinguere fra limiti oggettivi (limiti per: valore; materia; territorio) e limiti funzionali (e.g., attinenti al tipo di: atto; rito processuale; grado di giudizio; etc …). Infatti, nella sentenza n. 10102/2013, la Corte rigettò il ricorso per la violazione dei limiti di valore, riconoscendo (di contro) al Praticante Abilitato l’Jus Postulandi per le cause di lavoro di competenza del Tribunale monocratico (in funzione di giudice del lavoro) quando rientravano nei limiti di valore e territorio previsti. Questo poiché la legge non le escludeva (non ponendo limiti funzionali, e.g. inerenti al tipo di: atti introduttivi; e/o riti processuali; … ma solo oggettivi). Infatti, la Suprema Corte sottolineò che il tenore letterale della norma che riconosceva l’Jus Postulandi negli “affari civili” (limitatamente “alle cause, anche se relative a beni immobili, di valore non superiore a lire 50 milioni”) comprendesse anche le materie del lavoro e della previdenza in quanto non escluse nei limiti successivamente posti.

Allo stesso modo, si ritenne che la legge, nell’attribuire tale Jus Postulandi negli “affari civili”, comprendesse anche la possibilità in capo ai Praticanti Avvocati di proporre appello contro le sentenze del Giudice di Pace quando la “res contesa” rientrava nei limiti di valore, materia e territorio, indicati dall’art. 7 della L. n. 479 del 16/12/1999.

Di tutt’altra opinione è stata, invece, la II Sezione della Corte di Cassazione, che escluse “categoricamente” tale possibilità. Una decisione che, da un punto di vista di politica del diritto, potrebbe inserissi “in linea” con gli attuali sviluppi normativi che hanno “ristretto” ulteriormente l'”indipendenza” e l’Jus Postulandi dei Praticanti Avvocati dopo l’introduzione della “nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense” come indicata supra.

Col secondo motivo di ricorso si sosteneva la violazione e la falsa applicazione dell’art. 182 c.p.c. per i motivi, qui infra, illustrati. Questi motivi sono stati posti, anche, alla base delle questioni di legittimità costituzionale degli artt. 82 e 182 c.p.c. verso gli artt. 2, 3, 24, 111 della Costituzione (eccepite nel terzo motivo di ricorso). Le questioni di legittimità costituzione riguardavano alcune interpretazioni di questi articoli, ovvero alcune norme (proposizioni normative) estratte dalle disposizioni legislative (enunciati normativi) e non le disposizioni legislative in quanto tali.

I ricorrenti vollero superare la dottrina della “nullità assoluta ed insanabile” dell’atto introduttivo sottoscritto da soggetto privo d’Jus Postulandi (all’interno del processo civile) osservando come questa dottrina, di fatto, fosse già stata superata all’interno del Nostro Ordinamento nel 2000 (e/o almeno si erano create delle “brecce”).

La giurisdizione tributaria, infatti, sollevò tale questione alla Corte Costituzionale che, in tale occasione, affermò che l’atto introduttivo del giudizio (ricorso), depositato e sottoscritto da persona sprovvista d’Jus Postulandi, non comportasse l’inammissibilità (e/o una nullità assoluta ed insanabile) dell’atto introduttivo stesso, bensì il potere del Giudice di assegnare un termine perentorio per permettere alla parte di sanare tale irregolarità, nominando un difensore con Jus Postulandi (sentenza n. 186 del 13/06/2000).

Questo creò, all’interno del Nostro Ordinamento, una disparità di trattamento che si accordava poco con l’art. 3 della Costituzione, non essendoci motivi razionali atti a giustificare ciò.

Infatti, le discipline degli artt. 12 della L. 546/1992 (Jus Postulandi nel Processo Tributario) e 82 c.p.c. (Jus Postulandi nel Processo Civile) sono sostanzialmente simili. Esse non giustificano un diverso regime delle nullità.

Così la disparità che si è venuta a creare fra la giurisdizione ordinaria civile e la giurisdizione tributaria creava un problema con l’art. 3 della Costituzione. La prima rimase ancorata ad antiche tradizioni (per di più di creazione dottrinale), la seconda s’evolse fino a permettere la sanabilità del vitium.

Così, i ricorrenti, assumendo che l’agire del Legislatore è un agire razionale (mirante ad armonizzare la legge ai principii costituzionali), sostennero la tesi secondo la quale con la novellazione del 2009 il Legislatore, razionalmente, volle eliminare tale disparità di trattamento, portando ad una “uniformazione” della disciplina proprio con l’art. 182 cpc.

Fu sostenuto che, i motivi che spinsero il Legislatore a novellare il codice di procedura civile non potevano essere quelli di conservare lo “stato delle cose” immutato, ma introdurre in esso delle novità! Queste “novità” dovevano rispecchiare i principii costituzionali e portare “discipline uniformi” e razionali all’interno dell’Ordinamento.

Nel caso specifico, fu sottolineato come l’articolo 182 cpc, muovendosi in tale spirito, avrebbe uniformato le diverse discipline che si erano venute a creare sui difetti di procura e di rappresentanza tra la giurisdizione ordinaria civile e quella tributaria. In altre parole, avrebbe uniformato le conseguenze che avrebbero colpito l’atto introduttivo firmato da soggetto privo di Jus Postulandi.

Non a caso, l’art. 182 c.p.c. fu introdotto nel diritto processuale civile (dopo forti resistenze). Il suo tenore letterale sembrava proprio introdurre (nel processo civile) il principio affermatosi nel 2000 all’interno del processo tributario detto supra.

Per tali motivi, i ricorrenti sostennero che il Giudice mis-usò e disapplicò l’art. 182 cpc, poichè questo articolo, come novellato nel 2009, non si limitava ai difetti di rappresentanza e/o di procura degli avvocati.

Questo punto, espresso sintenticamente, fu uno degli argomenti presentati. Un argomento che può essere ampliato di molto, osservando come vi sia un forte parallelismo fra i due articoli. Entrambi, infatti, prevedono l’Jus Postulandi per i soli iscritti agli albi professionali, rilegando la difesa personale come eccezione alla regola per alcune cause di modico valore. L’art. 12 della L. 546/1992, in altre parole, fu modellato sulla base dell’art. 82 cpc anche se estendeva l’Jus Postulandi ad altri professionisti iscritti nei relativi albi (e.g. Commercialisti).

Infatti, la lettera della disposizione legislativa, autorizzava il Giudice, una volta rilevato un qualsiasi difetto di rappresentanza e/o di assistenza e/o di autorizzazione, ovvero un qualsiasi vizio che determini la nullità della procura al difensore, di assegnare alle parti un termine perentorio per la costituzione della persona alla quale spetta la rappresentanza o l’assistenza, per il rilascio delle necessarie autorizzazioni, ovvero per il rilascio della procura alle liti o per la rinnovazione della stessa.

Quindi si ritenne che il tenore letterale era così ampio da inglobare qualsiasi difetto: di nullità; di procura; di rappresentanza. Infatti, non solo riguardava i soggetti che operavano come “sostituti processuali” (avvocati), ma anche i rappresentati di persone giuridiche. Escluderne l’applicazione ai soli Praticanti Avvocati avrebbe creato una disparità di trattamento ingiustificata nel nostro Ordinamento verso gli artt. 3 e 24 della Costituzione.

Per tali motivi, si ritiene che l’art. 182 c.p.c. fosse applicabile nel caso specifico. Ogni diversa interpretazione sul modus procedendi e sull’interpretazione degli artt 82 e 182 cpc avrebbe contrastato coi principii costituzionali (art. 2; l’art. 3; l’art. 24; l’art. 111) visti: sia come criteria esegetici delle fonti subordinate; e, sia come “linee guida” per il Legislatore.

Nonostante ciò, la Suprema Corte decise di ribadire (all’interno del processo civile) la pre-vigente dottrina della “nullità assoluta ed insanabile”, “tagliando corto” sui motivi dedotti e sostenuti.

CONCLUSIONI

Con questo articolo si sono illustrati tutti gli aspetti rilevanti e tutte le questioni giuridiche sottostanti, che sono state sostenute e sono state poste alla base della decisione presa dalla Suprema Corte, così che qualsia giurista (Avvocato; Professore; Ricercatore; etc…) possa acquisire una piena consapevolezza sul thema, su come sono avvenuti gli sviluppi giurisprudenziali e quali sono state le argomentazioni proposte e scartate dalla Suprema Corte.

In questo modo, qualora qualcun’altro voglia ripresentare, studiare e/o sviluppare, la questione può aver chiari tutti i punti e tutti gli aspetti che sono stati già: prospettati; studiati; eccepiti; argomentati; considerati; e … rigettati dalla Suprema Corte.

RINGRAZIAMENTI:

I ringraziamenti sono molteplici, mi scuso se nel farli possa omettere qualcuno. Innanzi tutto, ringrazio l’avv. Stefano Savi per aver reso possibile questo ricorso. Da grande penalista, lo ha arricchito sottolineando l’importanza d’un’esposizione chiara, sintetica e centrata sui punti chiave. Tutti insegnamenti importanti, che hanno “corretto” le “cattive abitudini” acquisite da alcuni civilisti, che di contro, “tendono” a dilungarsi in argomenti ridondanti per “tuziorismo” difensivo. Si ringrazia l’avvocato Michaela Calzetta (penalista) che ha contribuito alla redazione dell’atto introduttivo.

Ringrazio il Foro il Genova in generale (… da sempre, per tradizione, Scuola di Massima Eccelenza Giuridica …) per: averMi “adottato”; aver reso possibile trasformare questo ricorso in una costruttiva crescita giuridica, una occasione di riflessione atta a contribuire all’evoluzione del Diritto ed alla sua chiarificazione, … tutte cose che non furono possibili nel “fu” Foro di Chiavari.

Ringrazio anche tutti i Professori e Ricercatori con i quali, a vario titolo, ho avuto l’occasione di parlare e/o avere brevi, ma significativi scambi. Tra di essi, voglio ringraziare il Prof. Costanzo (costituzionalista dell’Università di Genova) ed il Prof. Costantino (processualista civile dell’Università degli Studi Roma Tre). Il primo ha arricchito la riflessione giuridica portandoMi a riflettere su alcuni themae, oltre a “spronarMi” con la sua chiarezza concettuale ad abbandonare gli stili “confusi e confondenti” che, di contro, s’affermano nella pratica, prendendo talvolta il sopravvento. Il secondo Mi ha indicato alcuni suoi articoli che lessi con molto piacere, articoli che ho trovato fondamentali per giungere ad una più profonda comprensione del processo civile. Entrambi, in ogni caso, hanno: trasmesso la “passione” per il Diritto; permesso di trasformare un procedimento giuridico (… diciamolo pure, di modesto valore …) in un’occasione di crescita giuridica ineguagliabile.

Grazie.

APPENDICE: La Sentenza della Suprema Corte di Cassazione, II Sezione Civile, n. 3917 del 20 Gennaio, depositata il 29 Febbraio 2016. Testo Integrale.

TESTO DELLA SENTENZA

Suprema Corte di Cassazione
Sezione II Civile
Sentenza 20 Gennaio – 29 Febbraio 2016, n. 3917

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BUCCIANTE Ettore – Presidente -

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere -

Dott. MATERA Lina – Consigliere -

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere -

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 20029/2011 proposto da:

E.L.N. (OMISSIS), EP.LO. (OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi dagli Avv.ti SAVI STEFANO, MINOTTI DANIELE, quest’ultimo per proc. not. del 2/10/2015 rep. n. 36958;
ricorrenti -

contro

COMUNE RAPALLO (OMISSIS), IN PERSONA DEL SINDACO P.T., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEGLI SCIPIONI 268-A, presso lo studio dell’avvocato PETRETTI ALESSIO, rappresentato e difeso dall’avvocato NICATORE ANDREA;
controricorrente -

avverso la sentenza n. 286/2011 del TRIBUNALE di CHIAVARI, depositata il 18/04/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 25/11/2015 dal Consigliere Dott. LUIGI GIOVANNI LOMBARDO;

udito l’Avvocato Minotti Daniele difensore dei ricorrenti che ha chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avv. Petretti Alessio con delega depositata in udienza dell’Avv. Nicatore Andrea difensore del controricorrente che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CELENTANO Carmelo che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

1. E.L. ed Ep.Lo. convennero in giudizio il Comune di Rapallo, proponendo opposizione avverso il verbale loro notificato, relativo a contravvenzioni al codice della strada, e chiedendone l’annullamento.

Nella resistenza del convenuto, il Giudice di Pace di Rapallo rigettò l’opposizione.

2. Sul gravame proposto dagli attori, il Tribunale di Chiavari, in composizione monocratica, dichiarò la nullità dell’atto di appello, in quanto sottoscritto da praticante avvocato, ritenuto non abilitato alla sottoscrizione dell’atto di impugnazione.

3. Avverso la sentenza di appello propongono ricorso per cassazione E.L. ed Ep.Lo., formulando tre motivi.

Resiste con controricorso il Comune di Rapallo.

Entrambe le parti hanno depositato memoria ex art. 378 cod. proc. civ..

Motivi della decisione

1. Col primo motivo di ricorso, si deduce la violazione e la falsa applicazione della L. n. 479 del 1999, art. 7, per avere il Tribunale ritenuto che il praticante avvocato non fosse abilitato a proporre appello innanzi al Tribunale in composizione monocratica avverso le sentenze del giudice di pace; a dire del ricorrente, dovrebbe invece ammettersi il patrocinio del praticante avvocato nel giudizio di appello innanzi al Tribunale in composizione monocratica avverso le sentenze del giudice di pace, poichè il detto art. 7 non distingue tra giudizio di primo grado e giudizio di appello.

La censura non è fondata.

Va premesso che il caso sottoposto al giudizio di questa Suprema Corte, essendo relativo ad una causa iniziata con ricorso depositato il 17.9.2009 e ad un atto di appello proposto l’11.5.2010, è soggetto ratione temporis alla disciplina del tirocinio forense di cui al R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, art. 8 e successive modificazioni (e non alla nuova disciplina dello svolgimento del tirocinio di cui all’art. 41 della sopravvenuta L. 31 dicembre 2012, n. 247, che ha introdotto la “Nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense”).

Il R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, art. 8 (convertito, con modificazioni, dalla L. 22 gennaio 1934, n. 36 e successive modificazioni) prevede che il praticante avvocato, durante il periodo di pratica forense, possa esercitare un patrocinio limitato nell’attività professionale (solo dinanzi alle Preture del distretto della Corte di Appello nel quale è iscritto per la pratica) e nel tempo (dopo un anno di iscrizione nel registro e per non più di sei anni: R.D.L. n. 1578 del 1933, art. 8; L. 27 giugno 1988, n. 242, art. 10, recante “Modifiche alla disciplina degli esami di procuratore legale”), sottoposto ad una particolare vigilanza del Consiglio dell’ordine di appartenenza (R.D.L. n. 1578 del 1933, art. 14, lett. c) e a speciali adempimenti attinenti alla frequenza di uno studio di avvocato e all’esercizio del patrocinio (R.D.L. n. 1578 del 1933, art. 17, n. 5; R.D. 22 gennaio 1934, n. 37, artt. 1 e segg. recante “Norme integrative e di attuazione del R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578 sull’ordinamento della professione di avvocato e di procuratore”; D.P.R. 10 aprile 1990, n. 101, artt. 1 e segg., recante “Regolamento relativo alla pratica forense per l’ammissione all’esame di procuratore legale”).

Viene, pertanto, riconosciuto ai praticanti avvocati uno speciale status abilitativo provvisorio, limitato e temporaneo, giustificato dalle esigenze di svolgimento del tirocinio e in vista degli esami da affrontare per conseguire l’abilitazione all’esercizio della professione forense e l’iscrizione nel relativo albo (in tali termini, Corte Cost.: Sentenza n. 5 del 1999; Sentenza n. 127 del 1985; Ordinanza n. 75 del 1999; Ordinanza n. 163 del 2002).

Tale speciale status abilitativo provvisorio costituisce eccezione alla regola generale per cui il patrocinio legale è consentito previo superamento dell’esame di stato ed iscrizione all’albo degli avvocati; pertanto, le norme che consentono l’esercizio del patrocinio a chi, come il praticante avvocato, non ha superato l’esame di stato e non è iscritto nel detto albo professionale introducono un’eccezione ad un principio generale e come tali sono di stretta interpretazione.

A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 19 febbraio 1998, n. 51 che ha soppresso l’ufficio del pretore ed ha istituito il giudice unico di primo grado, l’ambito di esercizio di tale speciale abilitazione riconosciuta ai praticanti avvocati è stato rideterminato dalla L. 16 dicembre 1999, n. 479, art. 7, che stabilisce che i medesimi, dopo il conseguimento dell’abilitazione al patrocinio, possono esercitare l’attività professionale ai sensi del R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, art. 8 nelle cause di competenza del giudice di pace e dinanzi al tribunale in composizione monocratica, limitatamente: a) negli affari civili: 1) alle cause, anche se relative a beni immobili, di valore non superiore a lire cinquanta milioni; 2) alle cause per le azioni possessorie, salvo il disposto dell’art. 704 c.p.c., e per le denunce di nuova opera e di danno temuto, salvo il disposto dell’art. 688 c.p.c., comma 2; 3) alle cause relative a rapporti di locazione e di comodato di immobili urbani e a quelle di affitto di azienda, in quanto non siano di competenza delle sezioni specializzate agrarie; b) negli affari penali, alle cause per i reati previsti dall’art. 550 c.p.p. (in tali termini, la lett. b, relativa agli affari penali, è stata modificata dal D.L. 7 aprile 2000, n. 82, art. 2 terdecies, convertito con modificazioni dalla L. 5 giugno 2000, n. 144).

Orbene, come è dato constatare nell’esame del testo della disposizione appena richiamata, nell’elenco delle materie per le quali il praticante avvocato è abilitato al patrocinio dinanzi al Tribunale elenco che ha carattere tassativo non sono richiamate le cause di competenza del giudice di pace ai sensi dell’art. 7 c.p.c. (cause relative alle apposizione di termini e all’osservanza delle distanze per il piantamento di alberi e siepi; relative alla misura e alle modalità d’uso dei servizi condominiali; in materia di immissioni e in quelle relative ad interessi o accessori da ritardato pagamento di prestazioni previdenziali o assistenziali); nè è comunque prevista la possibilità in generale per il praticante avvocato di esercitare lo ius postulandi dinanzi al Tribunale in composizione monocratica quando tale organo eserciti ai sensi del combinato disposto degli artt. 341 e 350 cod. proc. civ. le funzioni di giudice di appello avverso le sentenze del giudice di pace.

Poichè la disposizione di cui alla L. 16 dicembre 1999, n. 479, art. 7 introduce una eccezione alla regola generale per cui il patrocinio legale è subordinato al superamento dell’esame di stato e all’iscrizione nell’albo degli avvocati, se ne impone una stretta interpretazione e ai sensi dell’art. 14 preleggi non ne è consentita l’interpretazione estensiva, non potendo quanto essa prevede essere esteso oltre i casi da essa considerati.

E’ ben vero che le cause che l’art. 7 cod. proc. civ. individua per valore come di competenza del giudice di pace (cause relative a beni mobili di valore non superiore a 5000 Euro e quelle relative a risarcimento del danno prodotto dalla circolazione di veicoli e natanti di valore non superiore a 20.000 Euro) potrebbero rientrare in astratto tra quelle per le quali la L. n. 479 del 1999, art. 7, lett. a), n. 1 (cause di valore non superiore a lire cinquanta milioni delle vecchie lire) ammette il patrocinio del praticante avvocato dinanzi al Tribunale in composizione monocratica.

Tuttavia, nel silenzio della legge, deve escludersi che il legislatore abbia inteso concepire un sistema nel quale il patrocino del praticante avvocato nel giudizio in appello dinanzi al Tribunale in composizione monocratica sia consentito per alcuni segmenti della competenza del giudice di pace (quelli individuati per valore) e non per gli altri, con conseguente incoerenza del sistema.

In definitiva, nel silenzio della legge relativamente alla possibilità del praticante avvocato di esercitare il patrocinio in grado di appello e in considerazione del fatto che le norme che riconoscono lo ius postulandi al praticante avvocato sono di stretta interpretazione, va esclusa la possibilità di riconoscere al praticante avvocato l’esercizio dello ius postulandi in grado di appello dinanzi al Tribunale in composizione monocratica.

Alla stregua di quanto sopra deve enunciarsi il seguente principio di diritto: “Il praticante avvocato non è legittimato ad esercitare il patrocinio nel giudizio di appello che si svolge dinanzi al Tribunale in composizione monocratica nelle cause civili di competenza del giudice di pace”.

2. Col secondo motivo di ricorso, proposto in subordine, si deduce la violazione e la falsa applicazione dell’art. 182 cod. proc. civ., per avere il Tribunale una volta verificato che il difensore degli appellanti era privo di ius postulandi omesso di assegnare agli stessi un termine perentorio per il rilascio della procura alle liti, secondo quanto prevede l’art. 182 cod. proc. civ..

Anche questa doglianza è infondata.

Secondo la giurisprudenza di questa Corte, dalla quale non v’è ragione di discostarsi, l’iscrizione nell’albo professionale di cui al R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, artt. 24 e segg., ha natura costitutiva ai fini dell’esercizio della libera professione forense davanti ai Tribunali o alle Corti di appello, con la conseguenza che l’atto introduttivo del giudizio di impugnazione sottoscritto da un praticante procuratore, non ancora iscritto nell’albo professionale degli avvocati ed abilitato a svolgere soltanto l’attività indicata nell’art. 8 del R.D.L. cit., è affetto da nullità assoluta ed insanabile, rilevabile anche d’ufficio in qualsiasi stato e grado del processo, data la stretta attinenza alla costituzione del rapporto processuale (Sez. 1, Ordinanza n. 20436 del 23/09/2009, Rv. 610035; Sez. 1, Sentenza n. 2538 del 23/03/1988, Rv. 458282; Sez. 3, Sentenza n. 26898 del 19/12/2014, Rv. 633782).

Poichè il difetto di ius postulandi dà luogo ad una nullità assoluta e insanabile, è escluso che il giudice possa concedere, ai sensi dell’art. 182 c.p.c., comma 2, un termine perentorio per la sanatoria di un vizio insuscettibile di essere sanato.

3. Col terzo motivo di ricorso, proposto in estremo subordine, si eccepisce infine l’illegittimità costituzionale degli artt. 82 e 182 cod. proc. civ., come interpretati dal giudice di appello, per violazione degli artt. 2, 3 e 24 Cost..

La questione di legittimità costituzionale, come prospettata dal ricorrente, è manifestamente infondata.

Questa Corte ha già affermato, e non può che ribadire, che la questione di legittimità costituzionale della disposizione dell’art. 182 c.p.c., comma 2, denunciata, in relazione all’art. 24 Cost., in quanto affida alla discrezionalità del giudice istruttore l’assegnazione di un termine per la regolarizzazione del difetto di assistenza, rappresentanza o autorizzazione, è priva di rilevanza allorchè non si tratti di difetti attinenti alla capacità processuale, quali sono quelli cui si riferisce la disposizione denunciata, ma di nullità assoluta e quindi insuscettibile di produrre qualsiasi effetto o di essere sanata dell’atto di citazione, ai sensi del terzo comma, dell’art. 82 cod. proc. civ., per mancanza dello ius postulandi (Sez. 2, Sentenza n. 4357 del 26/07/1985, Rv. 441821).

Quanto agli altri profili della dedotta questione di legittimità costituzionale, essi non superano la soglia dell’assoluta genericità e, comunque, risultano manifestamente infondati, risultando gli artt. 82 e 182 cod. proc. civ., nella interpretazione datane da questa Corte, perfettamente compatibili con le norme costituzionali richiamate.

4. Il ricorso deve pertanto essere rigettato. In considerazione della questione giuridica sottoposta e dell’assenza di precedenti specifici nella giurisprudenza di questa Corte, le spese del presente giudizio di legittimità vanno compensate tra le parti.

P.Q.M.

La Corte Suprema di Cassazione rigetta il ricorso e compensa tra le parti le spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Seconda Sezione Civile, il 20 Gennaio 2016.

Depositato in Cancelleria il 29 Febbraio 2016